Il vaso maledetto

di Roberta Faliva

 

La storia del vaso Basano proviene da una leggenda italiana. Si tratta di un antico vaso d'argento con pregiate incisioni che venne realizzato durante il corso del XV secolo. Questo vaso si ritiene essere infestato.

La storia del vaso Basano ha cominciato a circolare in un villaggio a nord di Napoli, dove venne donato come regalo di nozze a una giovane donna. Dopo aver ricevuto il dono, la ragazza venne ritrovata morta mentre stringeva a sè il vaso. Dopo la misteriosa morte, il vaso passò in eredità ai vari membri della famiglia per diversi anni. Tutti i successivi proprietari vennero ritrovati morti in circostanze misteriose. Dopo questi inspiegabili avvenimenti, il vaso venne nascosto in un luogo sconosciuto. Da allora non ci furono più morti per molti anni.
Nel 1988, il vaso venne ritrovato in una vecchia cantina. Conteneva una nota, scritta su pergamena, che citava: "Attenzione. Questo vaso porta la morte". Il messaggio venne prontamente eliminato e il vaso Basano venne venduto a una casa d'aste. Da lì l'oggetto è passato di nuovo di mano in mano, continuando a far avverare l’antica leggenda ad esso collegata: ogni persona muore in circostanze misteriose poco dopo essere entrata in possesso del vaso.
Dopo tutti questi avvenimenti i proprietari hanno cercato di donare il costoso vaso ai musei locali, ma senza successo. La storia racconta che venne infine messo in una bara di piombo e sepolto in un vecchio cimitero.

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    nicola (mercoledì, 21 dicembre 2016 11:57)

    Ho letto solo per caso la storia ma su un altro sito,per quante persone ci siano che non credono in Presenze Diaboliche,cose del genere, sono convinto che il Male ed il Diavolo esiste e puo' assumere molteplici forme.Immagino che chi lo ha seppellito questo Vaso se é deceduto si sia portato con se il segreto nella tomba,se é ancora vivo se ne guardera' bene dal rivelare dov'é il sito in cui si trova quest'oggetto e se malauguratamente lo dovesse trovare lo ricopra al piu' presto !